panorami mozzafiato nelle Alpi Apuane fra grotte castelli cave parchi 2 zone protette

panorami mozzafiato nelle Alpi Apuane fra grotte castelli cave parchi 2 zone protette


Home Colonnata
Le cave di Colonnata e il lardo

Colonnata, famosa per il lardo e le cave di marmo, è un antico borgo del comune di Carrara sui pendii delle Alpi Apuane.

La nascita di Colonnata risale al 40 a.C. con l’insediamento delle abitazioni degli schiavi stabiliti allo sfruttamento delle cave per l’utilizzo a Roma del marmo locale più a buon mercato di quello greco.
Il nome di Colonnata forse nasce dal latino columna, per indicare il luogo dove erano estratte le colonne di marmo da mandare a Roma, ma più probabilmente l'origine del nome è dai termini latini collis o columen, rispettivamente colle o sommità.
Le cave di ColonnataLe cave forse sono state usufruite anche dai Liguri Apuani, come dimostrano i rinvenimenti risalenti al VI secolo a.C. in località Fantiscritti e probabilmente utilizzati in seguito dai romani come esperti del lavoro di estrazione.
Altre notizie di Colonnata risalgono al XIII secolo, ma è probabile che nell'alto medioevo la località fosse una roccaforte in difesa delle popolazioni che qui hanno vissuto: Bizantini, Goti e Longobardi). Nel XVI secolo le notizie raccontano della presenza di 53 famiglie.

Il borgo ha vissuto fino ad oggi principalmente grazie dell'attività estrattiva, ma vi fu diffuso, forse per merito dei Longobardi, l'allevamento dei suini, sostenuto dall’abbonanza di castagni che in seguito si è evoluta in attività di trasformazione delle carni, nutrimento dei cavatori, dando così origine alla tradizionale produzione del celebre lardo.

IL LARDO
Il lardo è quel salume che ha dato notorietà famosa a Colonnata in tutto il mondo.
Era il cibo dei cavatori che lo affettavano sottile e lo mangiavano con pane rustico e pomodoro.
Il Lardo di ColonnataIl tutto veniva preparato di prima mattina e unitamente al fiasco di vino forniva le tante energie indispensabili ad affrontare il duo lavoro degli scavi.

La stagionatura è il segreto della bontà del lardo di Colonnata, la cui origine è vicina all'anno Mille. Il lardo, ricavato dallo strato grasso della schiena del maiale, viene adagiato in una vasca ricavata da un blocco di marmo detto conca che viene precedentemente sfregata con aglio e aromi dove si mette a giacere il primo pezzo di lardo sopra uno strato di sale, pepe, aglio, rosmarino e salvia; la conca viene così riempita a strati avvicendando il lardo al sale e agli aromi per essere infine coperta da una lastra di marmo, dove rimane a stagionare per sei - dieci mesi.
Il risultato è un lardo dal profumo fragrante e dal gusto delicato che si assapora tagliato a fettine molto sottili distese su pane fresco appena scaldato.

La seconda domenica dopo il ferragosto si svolge a Colonnata la Sagra del lardo: occasione unica per gustare e acquistare il prelibato salume e fare visita alle numerose cave che biancheggiano sui pendii delle Apuane

 
P.I. 01373010097 | Policy Privacy | Leggi Informativa Privacy
Joomla 1.5 Templates by Joomlashack