• Parchi Apuane grotte, castelli, cave e zone protette
  • Parchi Apuane grotte, castelli, cave e zone protette

Le Cave di Fantiscritti

Dalle cave di Fantiscritti si estrae marmo del tipo Bianco chiaro del Battaglino e del Canal Grande, Statuario di Bettogli e Bianco ordinario dei Fantiscritti.

Il nome deriva da un incisione di epoca romana risalente al III d.C. (oggi conservato nell’ Accademia di Carrara), posta su una fronte roccioso che riproduce tre divinità  dette “fanti” con al di sotto una dedica in latino “scritti”.

Video Cava Museo Fantiscritti

Video Cava Museo Fantiscritti

Video Cava Museo Fantiscritti

Video Cava Museo Fantiscritti

A Fantiscritti si trova una stazione ferroviaria realizzata per la linea della Ferrovia Marmifera Privata di Carrara che ora accoglie il Museo delle cave ed è frequentemente teatro di esibizione di artisti.

Le cave si guadagnano accompagnando il torrente Carrione fino ai ponti di Vara che permettevano, dalla fine del XIX secolo il passaggio della ferrovia impiegata per lo spostamento del marmo, ora convertita in una strada che attraversa la Galleria Vara.
Il tempo di percorrenza del tragitto è di circa 30 minuti, dove , con l’aiuto di una guida si potranno osservare i macchinari e capire come avviene il taglio e l’estrazione.

Interessante la visita al Museo all’aperto per capire come si svolgeva l’attività alle cave e la condizione sociale degli operai che qui svolgevano il loro lavoro.
Nel museo è riprodotta la casa dei cavatori, un’umile dimora dove avevano dimora famiglie numerose.
L’entrata al museo é gratuita.
Web: www.cavamuseo.com


Può interessarti anche: